Lettera aperta a Matteo Renzi - Priorità Vitali

Vai ai contenuti

Menu principale:

Lettera aperta a Matteo Renzi

Articoli

Lettera aperta a Matteo Renzi
di
Magda Menchini


E di nuovo ci risiamo, Matteuccio mio,
la tua ammiratrice sfegatata ha di nuovo il desiderio vivissimo di parlare un po' con te,  così, in confidenza, quattro parole in libertà, come si dice negli ambienti popolani che frequento.
Come già sai, sono un poco ignorante, non capisco a fondo gli avvenimenti e nessuno mi offre spiegazioni e sono obbligata a rivolgermi a te anche se sei occupato continuamente nei viaggi, nei valzer con Frau Merkel, nelle telefonate con il fascinoso Obama, nelle trasmissioni televisive e, ultimo ma assolutamente non ultimo, nella ricerca affannosa del nascondiglio ove noi, poveri tapini italiani, abbiamo nascosto gli ultimi soldini, quei 30 o 40 miliardi di euro che ti mancano proprio proprio.
Io ti capisco, sai, mi sei nel cuore. E' un lavoraccio portare avanti i due programmi, l'uno per dire a noi che l'Italia farà a modo suo ed è libera di decidere, l'altro per imparare l'inchino, quello da etichetta, da fare a Kaiserin Angela.  Quelli che hanno da ridire? Cialtroncelli che non sanno e non si rendono conto di cosa voglia dire fare due parti nello stesso tempo.  Ignorali, dammi retta.
Ascolta, mio caro, per il bene che ti voglio te lo devo assolutamente dire :  come ben saprai abbiamo un numeroso stuolo di gente che si affaccia alla porta del nostro Paese.  Beh, si affaccia....si precipita, entra di prepotenza, chiede, pretende e ordina e, se non viene esaudita, provoca un '48 e distrugge tutto.  Essendo pericoloso l'attraversamento delle nostre inquietanti acque,  tu ed il tuo prezioso ministro Alfano avete pensato di approntare quella meravigliosa operazione denominata Mare Nostrum per cui i clandestini, anzi, i migranti - facciamo contenta la bellissima Boldrini -  li andiamo a prendere direttamente alla soglia di casa loro.  Solo voi, con il vostro altissimo senso di umanità e con il vostro ammirabile amore per questi splendidi esemplari di cultura e di civiltà potevate ideare un evento di questo genere. In Spagna sparano loro addosso ed il mondo tace.  In Francia li ributtano alle nostre frontiere ed il mondo tace. In Australia come entrano, se non si adeguano, vengono spediti via. Ed il mondo seguita a tacere.  A noi che, pur  barcollanti pericolosamente sotto il peso di masse di popoli che ci travolgono, li salviamo perché nessun altro li vuole, li vestiamo, offriamo loro il nostro cibo, la nostra sanità, le nostre case e, anche se obbligate da cause di forza maggiore, le nostre riluttanti donne , il tutto con i nostri soldi, ormai ineluttabilmente pochi, se ci scappa qualche tragedia, il mondo che ha taciuto fino a quel momento, improvvisamente si sveglia, ci chiama razzisti e ci sollecita perché i nostri sforzi vengano raddoppiati e le nostre cure sollecitate.  Il tutto ignorando con superba e ottusa indifferenza l'insorgere di gentili antiche malattie ormai scomparse che, improvvisamente, fanno capolino fra la nostra gente.
Insomma, Matteuccio, fammi capire, dobbiamo appiccicarci l'etichetta del noto "Cornuti e mazziati" o mi sto esaltando?
E, perdonami ancora, mio caro concittadino, dimmi: ma è vero che questi graditi ospiti vengono pagati con 30 euro al giorno più una tessera telefonica che avete rigidamente stabilito sia dell'importo di 15 euro al mese e non un centesimo di più?  Ma è stupendo, perché in effetti, noi in famiglia stiamo distruggendo tutti i nostri documenti, abbiamo cessato di fare le docce, cerchiamo di imparare a memoria una preghiera ad Allah, io sto attenta a camminare tre passi indietro a mio marito, mi abituo a portare qualche cencino in testa ed a tenere la stessa sempre bassa, mangiamo tutti nello stesso piatto e seduti per terra.  Intanto il mio amorevole consorte sta affittando via Internet una barca al confine fra Grecia e Turchia dove arriveremo in aereo poi, dopo un viaggetto breve in pullman,  ci imbarcheremo su questa barca in ottime condizioni - mica vogliamo affondare, ovvio - e aspetteremo con immutata speranza le navi della nostra Marina da Guerra che ci raccoglieranno e ci riporteranno come profughi in Italia dove con quattro scuse riusciremo ad avere finalmente uno stipendio decente ed un tetto sopra la testa, cure sanitarie gratuite, passando davanti a tutti quegli idioti di italiani che aspettano dieci mesi per un' analisi e non pagheremo nemmeno il ticket.  Mantenuti, capirai che le nostre razioni le mangeremo invece di gettarle via nei cassonetti, telefonati, analizzati, non tassati.....il Paradiso, amico mio.  E ti pare che non ti ringrazi tutte le sere invocando su di te la benedizione della Madonna?  Ma in silenzio, ovviamente, sai bene che di questi tempi mostrare di essere cristiani non fa bene alla salute.  Concludo ringraziandoti ancora una volta per la magnifica opportunità che ci hai reso possibile.  Ciao e a presto.

Associazione La Martinella

14 agosto 2014

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu